Ultime notizie

La Calabria che preferisce le sagre alla propria sicurezza

È deprimente dopo ogni disastro sentire la triste litania di rimpianti e di buoni propositi.
Diciamo una volta per tutte la verità. Lo dobbiamo a coloro che hanno perso la vita, lo dobbiamo a coloro che hanno perso la casa. La prevenzione dei rischi non interessa nessuno perché non porta voti!
Può al più interessare i politici quando si trovano all’opposizione in modo da poter inveire su chi in quel momento è al potere, salvo poi fare anche peggio quando al potere si trovano loro.
Dal punto di vista statistico, oggi, la probabilità di morire in Italia o in Calabria per un evento atmosferico avverso è significativamente diversa da zero ed è più alta del rischio di morire in un incidente aereo.
Ma può un paese civile tollerare che il rischio di morte per pioggia sia diverso da zero?
Io credo di no, come sono anche convinto, e questa non è un’opinione, ma il frutto di un ragionamento scientifico, che investire nella mitigazione del rischio sia un investimento che non è solo conveniente dal punto economico, ma è anche un modo per salvare le vite umane.
Sarebbe, quindi, ovvio che la programmazione della spesa pubblica tenesse in gran conto questo aspetto.
E, invece, i cordoni della spesa sono larghi (e aggiungerei munifici) per le passeggiate delle Belen di turno, ma molto stretti quando, ad esempio, si tratta di pulire un torrente. Il perché è semplice. La passeggiata della Star pagata profumatamente porta consenso, la pulizia del torrente non la nota nessuno.
Il Programma operativo prevede una spesa inferiore al 5% per la prevenzione del dissesto idrogeologico, come se questo fosse l’ultimo dei problemi della Calabria….http://www.corrieredellacalabria.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*